_teulada960

Zauberhaft Reisen presentano un Articolo Extra in Italiano – La Passione per le Escursioni nelle Coste del Sulcis Iglesiente

Il Sud Sardegna offre al visitatore tanta gioia anche nei periodi invernali ed in modo particolare visitando le sue Montagne. A caccia di emozioni seguendo le mulattiere più amene delle coste del Sulcis Mauiritanio-Iglesiente. lasciandosi guidare da un´esperta Guida Turistica – Ambientale  – senza l´ausilio di un  Navigatore Satellitare.

Der Sentiero di Monte Aidu eröffnet den Blick aufs Meer.

Punto Panoramico sul Sentiero di Monte Aidu

La Guida Esperta vi conduce nei posti e siti con panorami da sogno, da dove potete ammirare paesaggi con sfondi – dove il mare – anche se solo si intravede – è sempe e comunque presente – da ogni angolazione – dall´alto. Le cime sono facilmente raggiungibili – ma lo spettaccolo vero – palpabile – sono gli anfratti rocciosi – le cale – i dirupi – i precipizi – gli scaloni – i passi – le emozioni e l´ebbrezza – vertigini a parte.

 

Le rocce – i massi sovrapposti – sono spesso ricoperti di vegetazione mediterranea – come muschi e licheni di un verde profondo – arbusti di lavanda naturale e varie e molteplici specie di ginepro – e negli anfratti inaccessibili si possono ammirare alcune specie rare della fauna sarda: le aquile reali e i loro nidi  e gli arbusti spesso sono nascondigli del cinghiale molto frequente a quelle alture.

Die Sonne, die Berge, das Meer: Im Winter wie im Sommer reizvoll

Sole, montana, mare – anche in inverno piacevole

Il mare – spesso fà da contorno – a spasso attraverso le mulattiere – costruite in tempi remoti dai taglialegna toscani, reclutati dalle cooperative tagliaboschi per una stagione intera – sino alla trasformazione della legna in carbone. La scelta oggi è caduta su Mont´Aidu – sentiero faticoso – ma con punti panoramici da sogno – e dall´alto si possono ammirare paesaggi da favola.

 

I più interessanti sono: la Chiesetta campestre di Sant´Isidoro – la torre – che pare sia stata eretta per motivi strategici – in quanto il nemico più temuto era la via dal mare: infatti – i nemici più insidiosi erano i saraceni – i mori d´Africa – i pirati del mare – che avevano soltanto bisogno di derrate alimentari – da vendere poi in Africa del nord al mercato!

Gli uomini catturati in Sardegna, servivano come merce di scambio – i giovani robusti venivano poi barattati al mercato degli schiavi – i vecchi ed anziani – i malatti abbandonati a sè stessi – tanto erano destinati a morire di stenti – perchè privi dei giovani – bracce da lavoratori – una volta schiavizzati – non erano più in grado di accudire gli anziani – in quanto deportati, le donne giovani – anche loro venivano deportate, per essere a loro volta – vendute al miglior offerente – merce di interscambio – i bambini adottati – convertiti con la forza di persuasione a diventare musulmani – erano merce di prima scelta.

Con Cavalli al Sentiero di Monte Aidu

Con Cavalli al Sentiero di Monte Aidu

Il Sentiero di Monte Aidu conduce immancabilmente ai punti panoramici, costeggiando boschi di mirto – arbusti di ginestra. Il sentiero di trekking (alquanto difficile – ma non impossibile – aperto e reso agibile dal Comune di Teulada) – sia a piedi – come pure a cavallo – ma molto faticoso per praticare lo sport MTB – di Mont´Aidu è stato inaugurato in marzo del 2016. Il percorso è molto gradevole – con punti panoramici di tutto rielievo – assai piacevole – breve – ma non troppo – anche con importanza culturale,

in quanto lungo il percorso si possono ammirare scorci di mare – da sogno – e anche qualche residuo nuragico – basta aprire bene gli occhi – e l´occhio esperto – non si lascia sfuggire nulla. In qualsiasi stagione dell´anno è praticabile – ma si raccomanda di indossare abbigliamento e scarponi fuoristrada – possibilmente con le suole a carro/ramponi gommati. È sempre un gaudio scalare Mont´Aidu – sia a piedi che sulla groppa di un quadrupede/destriero.

_sardinien_saubererstrand

A spiaggia „Is Arenas Biancas“

Qui ci troviamo – un´ora circa di macchina alla destra di Cagliari Capitale – nel territtorio fatato della Costa  della Maruitania-Sulcis Iglesiente – con all´attivo la natura incantevole offre meravigliosi paesaggi naturali – con conquista di ben 3 Bandiere Blù per la qualità delle sue acque del mare – nonché per gli splendidi paesaggi – con possibilità – dopo aver accesso libero alle spiagge e siti di maggior rilievo con grande  importanza turistica.

 

La via più interessante ci conduce ai Territtori fertili del Carignano e del Vermentino, dove i vitigni – ormai hanno preso il  il sopravvento hanno ormai la tradizione di esistere ed essere pubblicizzati – tanto sono riusciti a fare – nell´arco di pochissimi anni. La nostra dimora si trova a Teulada, comune con radici sarde DOC, che con gli anni si è ritagliata una fetta di popolarità meritata, or il suo charme di cittadina con radici antiche ed inconfondibili per il suo aspetto elegante e tradizionale – immutato nel tempo.

_enrico_detail1

Esperto botanico Enrico Madeddu

Quì vi risiede il nostro Mentore – esperto in escursioni ambientali programmate – esperto traduttore ed interprete  autorizzato per le due lingue Italiano-tedesco e viceversa: Enrico Madeddu – che organizza escursioni guidate nella stupenda regione montana di Teulada e paesi limotrofi. L´esperto in linguistica organizza su misura e, a richiesta, sempre nuove rotte – per far conoscere ai partecipanti nazionali ed internazionali – nuovi percorsi a sorpresa. Solitamente le partenze iniziano dalle prime ore del mattino – a partire dalle ore 05:00 in poi, spesso anche prima dell´alba – quando gli altri ancora dormono – verso le ore 06:30 del mattino; la sua dimora è in via Giuseppe Garibaldi, 14/16 – 09019 Teulada (CA) – da dove hanno inizio le partenze – per raggiungere poi le mete prestabilite  – già precedentemente predefinite dall´esperto.

Punta Sebera è una delle mete più ambite – coi  suoi  979 mt. s.l.d.m. con un panorama da incorniciare a 360 gradi – da mozzare il fiato! Facilmente raggiungibile dall´unica strada comunale percorribile, sia salendo da Teulada – da Perra de Teula – oppure imboccando la strada asfaltata – che da Teulada: Sa Tanka Manna – appena dopo il ponte di Teulada – Riu Launaxi – appena superato il campo da tennis – che si trova alla destra del guidatore – per Santadi – percorrendo il tratto asfaltato – sino a dopo la pala eolica di Simoni Esu – si procede lentamente – l´asfalto lí termina – si procede sino a S´Aulesu – Isai – incrocio Su Lixinu de Sa Pigada de Sebera – raggiungendo la Tenuta Agricola Pirlo – e dopo il fabbricato – a sinistra compare la sagoma inconfondibile della Punta menzionata – ma si deve proseguire sino ai pedi della Punta – lasciando il veicolo ai piedi – per raggiungere a piedi – la Cima menzionata – che porta il nome della località omonima.

__sebera_detail2

Bellavista a Punto Sebera

Si ha un panorama a 360° – visibilità permettendo – sino ad Iglesias – a destra – frontalmente: la sagoma inconfondibile dell´imponente Capo Teulada  – estremo Sud della Sardegna – e il suo mare – immenso – e a sinistra, si può ammirare l´estesa Azienda Agricola-Castagni di oltre 14-15 ettari della Famiglia F.lli Pirlo di Teulada.

 

__sebera_detail3

Agricoltura a Punto Sebera

Lasciata la Punta – ci si può immergere nei boschi ad alto fusto delle colline ciscostanti – con la libertà di scelta – da ogni angolazione – ci si può facilmente avventurare – scegliendo le numerose vie montane – in parte anche segnalate da spaziose e leggibilissima segnaletica – per chi con conoscesse abbastanza bene i luoghi indicati sulle locandine sistemate dall´Amm. Foreste della Regione Sarda.

 

Dalla Cima si scorge anche la graziosa ed idilliaca cittadina di Teulada – in lontananza. Le foreste/boschi circostanti sono ovviamente abitati da numerosa Fauna sarda: cervi sardi – daini – cinghiali – volpi – gatti selvatici – e anche varie altre specie – ma servirsi di letteratura appropriata nei punti d´informazione delle numerose Proloco – consultabili in ogni paese del cincondario – oppure rivolgendosi agli Uff. ENIT e/o Informazioni Turistiche Regionali. aquile – gazze – ed altre specie di uccelli stanziali – mentre – nei periodi di piena delle bacche di corbezzoli e ginepri/e bacche di mirto, di cui i migratori fanno incetta –  arrivano in Sardegna stormi immensi di uccelli migratori: che raggiungono le nostre foreste al solo scopo di svernare e aumentare di peso. Và detto che, la caccia a queste numerose specie – è severamente vietata. Non mancano le mandrie vaccine – ovine – caprine – libere di scorrazzare in ogni dove, sperando nelle stagioni produttive di ghiande da leccine e anche da ghiande da sugherette – molto prelibate sia dalle specie vaccine – equine – e l´altra fauna allo stato brado – ovvero: libere di spostarsi in ogni dove – dove non sia recintato.

_sardinien_2017_januar_galerie10_supitzianti_henning

Bellavista a Is Pottas Santas

Degna di menzione sono le vecchie mulattiere dei carbonai – alcune riprese – altre meno – ma le tracce sono visibilissime – altre percorribili – altre non più percorribili – ma qualcuna è stata resa agibile da volenterosi volontari – che hanno provveduto a renderle percorribili – alcune anche con la partecipazione mia personale  – con l´ausilio anche di miei Amici Stranieri di Germania e Austria.

 

Come quella che scende ad Arriualinu e Arriu Kalamixi e, prossimamente quella che scende e sale da Salamoni-Peldedemontisi e Su Pitzianti & Is Pottas Santas – Su Longu Fresu. In seguito –  ci proponiamo anche di aprirne altre conosciute a pochi. Si raccomanda caldamente a coloro che si vogliono avventurare con il mio Gruppo – con copertura assicurativa tramite il Gruppo Assicurativo LVM di Münster Renania Vestfalia (NRW), protezione solare, giacche antipioggia e scarpe ideali al caso – consone – sono assolutamente  indispensabili, la sicurezza della pedata dev´essere garantita dalla buona qualità della scarpa.

A cura di Enrico Madeddu – traduttore – interprete e perito tecnico linguistico – nonché anche Acc. Guida Turistica Ambientale – che ha provveduto a tradurre fedelmente un Resoconto sulla Sardegna del giornalista & fotografo – Libero Professionista ed operante dall´Austria ed estimatore anche dei Ns. territori e paesaggi della Sardegna intera. GRAZIE MILLE!!!!!

INFO

Generali
www.sardegnaturismo.it/

Teulada Costa del Sud su Facebook
www.facebook.com/ferienregionteuladacostadelsud/

Secretu Sardu – Wanderungen und Segeltouren
http://secretusardu.com/

********************************************************************************
TUTELA PROFESSIONALE DEI DIRITTI D´ AUTORE:
SI AVVERTE A CHIUNQUE DI ASTENERSI DI DUPLICARE O COPIARE ANCHE PARZIALMENTE IL CONTENUTO DELLA PRESENTE TRADUZIONE!
Firma dell´autore che ne ha curato la traduzione dal tedesco

F.to: Enrico Madeddu – Via G. Garibaldi, 14/16 – IT-09019 Teulada (CA) – italia

********************************************************************************